Coming (back) soon…

Tenevo a dire a tutti (tutti chi? bah) voi, che non sono scomparso… sono semplicemente fresco di laurea (chiamatemi pure “illustrissimo dottore“, non ve ne vorrò!) e quindi sono stato in Italia a fare bagordi.
Più grasso (non troppo, ma si sa, la gola è un vizio in cui ci si culla con piacere), provato (l’alcool anche è un mio altro, piacevole trastullo) e con un abbacinante ed incredibilmente spaventoso futuro pieno di “se“, “ma“, “forse” e qualche “porca eva” sono atterrato a Berlino solo ieri mattina e mi sto ancora riprendendo. Nei prossimi giorni tornerò su questi schermi.
Potrei trattare – alternativamente o tutti insieme – i seguenti temi: università (ancora, eddaje!), euroscetticismo, erasmus+. O, ancora, inventarmi qualcosa di nuovo. Vai a sapè che mi frulla in testa.
Intanto vi lascio con un reperto fotografico, la copia rilegata della mia tesi di laurea (ve ne fregava qualcosa? assolutamente no, però vabbè, fa scena!)
Prova finale per il corso di laurea triennale in scienze e tecnologie della comunicazione.

Andrea Betti: “L’omosessualità nella fiction televisiva. Un’analisi comparativa

Annunci

Informazioni su andreambetti

Andrea Betti (che ormai si presenta a tutti come "Andrés" perchè è stanco di farsi chiedere se sia nato donna!) è un ragazzo come tanti, di quelli che passano più tempo a disperarsi per il futuro che incombe, piuttosto che a vivere il presente che li incalza. Dal 2010 vive a Berlino, ha studiato Comunicazione alla Sapienza di Roma ed adesso fa tutta una serie di lavori che neanche lui capisce fino in fondo cosa abbiano a che fare l'uno con l'altro: lavora in un locale, fa traduzioni, scrive testi, articoli per giornali e blog e pure due robe per la TV e la radio, così.
Questa voce è stata pubblicata in vita personale e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Coming (back) soon…

  1. Frou Svedese ha detto:

    Congratulazioni! Ho una domanda sulla tesi (e che palle ti dirai tu…). Io giuro che ci ho pensato a lungo ma non ne sono riuscita a venire a capo da sola, quindi chiedo il tuo esimio aiuto. Ma… la fiction italiana ha mai trattato il tema dell’omosessualità? Dopo ore di pensarci su l’unico esempio che mi è venuto in mente è il commesso gay della serie televisiva Commesse e sono andata a ripescare negli anni ’90issimi che nemmeno lo so perchè mi ricordi certe cose. Un’altra possibile spiegazione alla mia ignoranza in materia è che le fiction italiane in Svezia non ci sono e quindi pace…

    • andreambetti ha detto:

      Grazie mille! ahaha in realtà la tua domanda non è affatto sciocca, perchè a parte alcuni casi particolarmente vividi nella memoria (es: Romeo di Commesse), tutti gli altri tendono ad essere dimenticati. Anche io pensavo fossero pochi, poi invece rivedendo le fiction degli anni ’90 e ’00 ne ho trovati diversi: Luca in “Distretto di Polizia”, Luca ne “Il bello delle donne”, Oscar di “Un medico in Famiglia” e Valerio di “I Liceali”, solo per citare i casi più famosi e che forse puoi ricordare.. =P comunque poca roba eh, la mia tesi conclude che l’Italia rispetto ad America e Spagna (i paesi usati per la comparazione) è ancora ad una fase immatura di tematizzazione dell’omosessualità =P (ho scoperto l’acqua calda, come se un fisico oggi facesse una bella tesi “scoprendo” la forza di gravità ahahah, eppure pensa che nessuno aveva mai scritto un caiser in merito in Italia o.o”!)

  2. sexandtherest ha detto:

    Ciao! Ho da poco scoperto il tuo blog e mi piace moltissimo! Perciò spero non ti spiaccia se bazzicherò da queste parti ad ogni aggiornamento. 😉
    Congratulazioni per la tua laurea!!! La tua tesi poi è davvero interessante! Io mi sono diplomata in recitazione in Canada, perciò l’argomento che hai scelto mi interessa da più punti di vista. Complimenti!

    • andreambetti ha detto:

      Ciao a te e grazie per essere passata da qui 🙂 sono contento che qui ti piaccia, è un po’ abbandonato, lo ammetto, ma mi riprometto di inserire presto nuovi post. Grazie anche per i complimenti per la laurea, in effetti è un argomento interessante, chissà che in futuro non abbia di nuovo la possibilità di dedicarmici 🙂

      Un saluto,
      andrés

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...